Stazione di Corbetta – Santo Stefano Ticino, un’interrogazione in Parlamento

stazione_corbettaSono passati ormai molti anni da quanto in Consiglio Regionale della Lombardia, ad un’interrogazione da me presentata, l’Assessore regionale alle infrastrutture rispose che entro il 2013 sarebbe stato chiuso il passaggio a livello della stazione ferroviaria di Corbetta – Santo Stefano Ticino. Siamo nel 2015, tra qualche giorno inizierà Expo e la stazione di Corbetta – Santo Stefano Ticino si trova a sole tre fermate da quella di Rho Fiera Milano, ma il passaggio a livello è ancora in funzione e i lavori del sottopasso sono ancora bloccati. Sentito il disagio dei pendolari che ogni giorno utilizzano il treno per recarsi a scuola o sul posto di lavoro ho presentato un’interrogazione per chiedere al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di interessarsi presso RFI perché riprendano i lavori e sui motivi dei ritardi.

Di seguito il testo dell’interrogazione:

Interrogazione a risposta scritta

Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. — Per sapere – premesso che:
per recarsi sul posto di lavoro, o a scuola, studenti e lavoratori che usano il treno hanno diritto ad usufruire di un servizio adeguato considerando inoltre che questa scelta, oltre a contribuire alla riduzione del traffico veicolare, è anche la forma di mobilità meno inquinante e costosa in termini energetici da promuovere;

purtroppo oggi, nonostante siano molti i comitati civici sorti in questi anni con l’intento di sensibilizzare le istituzioni ad intervenire per migliorare questo servizio, ancora si registrano ritardi, degrado dei convogli, bagni inagibili, sovraffollamento e scarsa manutenzione;

la stazione di Corbetta-Santo Stefano Ticino, collocata sulla linea ferroviaria MI-TO, per la posizione strategica è al servizio più di 30.000 abitanti dei diversi comuni quali: Corbetta, Santo Stefano Ticino, Ossona e in parte Arluno;

la stazione di Corbetta-Santo Stefano Ticino si trova a sole tre fermate da quella di Rho Fiera Expo Milano 2015 e dal primo maggio risulterà pertanto strategica per i visitatori che vorranno recarsi a visitare l’esposizione universale e per questo non è da escludere prevedere un consistente incremento di utenti;

la conferenza dei servizi conclusiva (tra i soggetti coinvolti: comune di Corbetta e di Santo Stefano Ticino, provincia di Milano e RFI) per la chiusura di tre passaggi livelli, compreso il sottopasso e la sistemazione dei parcheggi in questione presso la stazione ferroviaria di Corbetta-Santo Stefano Ticino è stata svolta nel 1999 e d’allora sono ormai trascorsi sedici anni;

nell’aprile 2012 l’interrogante allora consigliere regionale della Lombardia, aveva presentato un’interrogazione all’assessore alle infrastrutture della regione Lombardia che chiedeva di sollecitare R.F.I. al fine di accelerare i lavori delle opere sostitutive per la chiusura dei passaggi a livello previsti e la realizzazione del sottopasso presso la stazione di Corbetta-Santo Stefano Ticino; nella risposta l’assessore competente annunciò la rimozione del passaggio a livello per la fine del 2013;

il passaggio a livello nei pressi della stazione di Corbetta-Santo Stefano Ticino è ancora in funzione e l’intensità del traffico dei treni che vi transitano, tra quelli che effettuano la fermata come i suburbani della linea S6 e quelli in transito come i regionali veloci e dell’alta velocità, fanno sì che questo sia spesso in funzione obbligando coloro che devono attraversarlo a lunghe soste –:

se sia nelle intenzioni del Ministro interrogato attivarsi presso la Rete ferroviaria italiana per sollecitare la realizzazione del sottopasso e dei parcheggi nei pressi della stazione ferroviaria di Corbetta-Santo Stefano Ticino e verificare i motivi di tale ritardo.